Un’iniziativa consolidata, che si è riproposta anche per il 2014.
Si tratta di “Buoni in famiglia. La solidarietà val bene una spesa“: grazie a un accordo riconfermato a fine anno fra l’Aser (l’Agenzia di onoranze funebri a controllo pubblico) e il Comune di Faenza, l’1 per cento del fatturato dell’azienda è stato erogato al Comune per aiutare i programmi di sostegno alle famiglie in difficoltà.
Il che permetterà ai Servizi Sociali faentini di aumentare considerevolmente i buoni spesa assegnati alle famiglie bisognose del territorio.
Il progetto è ormai radicato, visto che l’accordo iniziale è datato dicembre 2007, e che quindi a partire dal 2008 ogni anno l’Aser ha versato la centesima parte del proprio fatturato ai Servizi Sociali faentini.
Nel 2014, la quota è stata di 6.366,78 euro (in crescita di circa 300,00 euro rispetto all’anno precedente); in totale, nei sette anni di vita, “Buoni in famiglia” ha permesso aiuti alle famiglie bisognose del faentino per circa cinquantamila euro.

L’articolo uscito su Ravenna Today
L’articolo uscito su Faenza Notizie


1 2 3
Copyright 2020 ASER |