Nel 2015, in agosto, veniva eletto il nuovo consiglio direttivo di Aser, l’azienda di onoranze funebri a controllo pubblico dei Comuni di Ravenna e Faenza, completamente partecipata da Ravenna Holding S.p.A, è spiegato in una nota.

A poco più di un anno di distanza, la nuova presidente dell’azienda, l’avvocato Silvia Bagioni, traccia un bilancio di questi dodici mesi. “Dopo un anno, posso dire di operare davvero all’interno di una bella realtà: un’azienda sana e trasparente, che lavora con serietà e offre servizi di qualità. E che viene ripagata dal pubblico”.

Uno dei servizi di maggior impatto negli ultimi mesi è stata la Carta dei Servizi realizzata dalla Società. “È un’iniziativa importante e apprezzata dai cittadini: perché all’interno possono trovare ogni informazione su tutti i nostri servizi. Inoltre, vi traspare un’etica di rispetto per le diverse culture religiose, che mi pare da sottolineare”.

L’altro aspetto “sociale” più volte rimarcato dalla Società riguarda i “Buoni in famiglia”. “Da diversi anni abbiamo scelto, in collaborazione con le rispettive amministrazioni comunali, di donare una cifra significativa ai servizi sociali di Ravenna e di Faenza, destinata a cittadini in difficoltà. Si tratta dell’1 per cento del nostro bilancio. Lo scorso anno si è trattato di circa 15 mila euro, 18 a Ravenna e 7 a Faenza. E per il futuro stiamo pensando ad ulteriori iniziative da poter realizzare in collaborazione con le amministrazioni comunali, destinate a dare ulteriori tipologie di sostegno all’utenza in difficoltà”.

L’articolo su Ravenna Today
L’articolo su Ravenna 24 Ora

Il ruolo di Aser a Faenza un anno dopo l’insediamento del nuovo consiglio d’amministrazione: il punto del consigliere faentino Fabio Bove.

Nell’agosto del 2015 fa veniva eletto il nuovo consiglio direttivo di Aser, l’azienda di onoranze funebri a controllo pubblico dei Comuni di Ravenna e Faenza, completamente partecipata da Ravenna Holding S.p.A.

A poco più di un anno di distanza, il consigliere faentino dell’azienda, Fabio Bove, traccia un bilancio di questi dodici mesi per quanto riguarda la realtà manfreda. “Intanto devo dire che questa esperienza mi ha fatto lavorare a contatto con ottimi dirigenti e quadri, che sanno davvero gestire un società pubblica in maniera parsimoniosa, e non è facile. Devo anche aggiungere che, visto il mio ruolo di responsabile dell’anticorruzione, posso garantire la trasparenza massima da parte della società e dei suoi amministratori”.

Uno dei servizi di maggior impatto negli ultimi mesi è stata la Carta dei Servizi realizzata dalla Società. “E’ un iniziativa  lodevole – continua Bove – che i cittadini dimostrano di apprezzare: perché all’interno possono trovare ogni informazione su prezzi e servizi. Inoltre, vi traspare un’etica di rispetto per le diverse culture religiose, che mi pare da sottolineare”.

L’altro aspetto “sociale” più volte rimarcato dalla Società riguarda i “Buoni in famiglia”. “Partiamo dal fatto che il nostro bilancio è positivo – sottolinea il consigliere faentino -: questo di permette di devolvere ogni anno una cifra significativa ai servizi sociali manfredi, destinata a cittadini in difficoltà. Lo scorso anno si è trattato di oltre 7 mila euro. E devo aggiungere infine, anche se siamo solo a livello di ipotesi, che con l’assessorato ai Servizi Sociali potrebbero nascere a breve altre iniziative dedicate agli utenti che si trovano in momenti delicati”.

Anche per il 2015, le famiglie in difficoltà del comprensorio faentino hanno avuto un aiuto significativo da parte di Aser, l’Agenzia di onoranze funebri a controllo pubblico: merito dell’iniziativa “Buoni in famiglia. La solidarietà val bene una spesa”, giunta ormai all’ottavo anni di vita, che grazie ad un accordo fra la stessa Aser e i Servizi Sociali Associati del Comune di Faenza, destina l’1 per cento del fatturato dell’azienda ai Servizi Sociali, proprio con l’obiettivo di aiutare i programmi di sostegno alle famiglie in difficoltà (prevalentemente attraverso i buoni spesa).

Nel 2015, la quota è stata di 7.057,82 euro (con una considerevole crescita di circa 700 euro rispetto all’anno precedente); in totale, negli otto anni di vita, “Buoni in famiglia” ha permesso aiuti alle famiglie bisognose del faentino per circa cinquantasettemila euro. Ancora una volta va rimarcato anche l’aspetto di stimolo di questa iniziativa, che oltre a fornire un aiuto economico immediato e significativo, può fungere da esempio virtuoso nei confronti dell’intera comunità manfreda: molti faentini infatti, proprio attraverso “Buoni in famiglia”, forniscono indirettamente ma consapevolmente un aiuto importante ai loro concittadini più bisognosi nel momento in cui si rivolgono ad Aser. Aser ha già deciso di confermare l’accordo anche per il 2016.

Aser, l’azienda di onoranze funebri a controllo pubblico dei Comuni di Ravenna e Faenza (completamente partecipata da Ravenna Holding S.p.A.), ha recentemente approvato il preconsuntivo per l’anno 2015 e il budget 2016. Proseguendo nella positiva tendenza registrata negli ultimi anni, anche le previsioni per il bilancio 2015 sono positive.
Il preconsuntivo 2015 si attesta infatti su circa 2 milioni 600 mila euro, con un incremento del 9,32% rispetto al budget (che prevedeva un fatturato di 2 milioni 379 mila). Per quanto riguarda il 2016, il budget approvato – 2 milioni 589 mila euro – è sostanzialmente in linea con il preconsuntivo 2015. “Siamo soddisfatti del lavoro svolto e dei risultati ottenuti – sottolinea Silvia Bagioni, presidente Aser – che consolidano la nostra presenza sia nel territorio di Ravenna che in quello di Faenza.
Nel faentino, in particolare, anche la nuova e moderna sede dell’azienda, aperta di recente nei pressi del cimitero cittadino, ha contribuito a rafforzare la nostra notorietà anche nei confronti della concorrenza, con la quale in più occasioni il cittadino è stato indotto a confonderci”.
Il risultato positivo del fatturato si ripercuoterà anche sui servizi sociali delle due comunità: anche quest’anno infatti Aser ha promosso – in collaborazione con i Comuni di Ravenna e Faenza – il servizio “Buoni in famiglia”, che prevede di devolvere ai servizi sociali l’1 per cento del fatturato realizzato. I risultati specifici dell’attività 2015 saranno resi noti nelle prossime settimane.

Da alcuni giorni all’indirizzo www.aser-romagna.it è online il nuovo sito di Aser, l’azienda di onoranze funebri, a controllo pubblico, dei Comuni di Ravenna e Faenza, completamente partecipata da Ravenna Holding Spa. A Faenza la sede si trova in viale Marconi 30, nei pressi del cimitero cittadino. Per parlare del nuovo sito e della mission di Aser, abbiamo incontrato la presidente, Silvia Bagioni.

Nei giorni scorsi è stato effettuato il previsto cambio di vertice all’Aser, l’Agenzia di onoranze funebri a controllo pubblico partecipata al 100% da Ravenna Holding. Al termine del secondo mandato, come da Statuto, Claudio Suprani ha lasciato la presidenza dell’ente; al suo posto è stata eletta presidente Silvia Bagioni.
Accanto a lei, siedono nel consiglio di amministrazione di Aser il riconfermato amministratore delegato Maurizio Rossi e il consigliere Fabio Bove.Silvia Bagioni, avvocato ravennate, libero professionista, vive a San Zaccaria. Vanta una lunga militanza nelle fila del PRI, ed è stata anche consigliere comunale a Ravenna fra il 1999 e il 2001. Attualmente ricopre anche la carica di vice presidente della Cooperativa “Cantina Sociale Ville Unite” di San Pietro in Campiano.

“La presidenza di Aser è un incarico significativo – vista l’importanza di un ente come questo, a controllo pubblico, in un settore delicato come le onoranze funebri: cercherò di svolgerlo al meglio, e sono molto onorata per queste nomina – ha detto la neo presidente. – A nome di tutto l’Ente, voglio anche ringraziare il presidente uscente Suprani per l’ottimo lavoro svolto nel corso dei suoi mandati: mi auguro di poter dare continuità al suo operato”.

L’articolo su Ravenna Today
L’articolo su Ravenna Notizie
L’articolo su Ravenna 24 Ore

Aser ha erogato in sette anni 100mila euro di contribuiti per finanziare i “Buoni in famiglia” diretti ai nuclei familiari in difficoltà: è quanto è emerso questa mattina in una conferenza stampa che si è svolta presso la residenza municipale e alla quale hanno partecipato l’assessora ai servizi sociali Giovanna Piaia, la presidente di Asp Ravenna Sussanna Tassinari, il presidente di Aser Claudio Suprani e l’amministratore delegato Maurizio Rossi.
Nel 2014 la quota erogata, pari alla centesima parte del fatturato di Aser, azienda di onoranze funebri a controllo pubblico, attiva nei Comuni di Ravenna e Faenza, è stata di 16.448 euro (in crescita di oltre 2mila euro rispetto all’anno precedente). L’accordo con il Comune di Ravenna, che è stato confermato anche per il 2015, permette all’Azienda Servizi alla Persona di aumentare considerevolmente i buoni spesa assegnati alle famiglie bisognose del territorio. Il progetto è ormai radicato: l’accordo iniziale, infatti, è datato dicembre 2007.
“A un aspetto economico immediatamente percepibile e certamente significativo in relazione al tessuto sociale più fragile – ha spiegato l’Aser – “Buoni in famiglia” abbina anche un intento di stimolo verso l’intera cittadinanza, rispetto alla consapevolezza di un problema di indigenza sempre più allargato, che può essere almeno alleviato anche grazie a un contributo come quello che i cittadini forniscono indirettamente ma consapevolmente nel momento in cui si rivolgono ad Aser”.”L’aumento della povertà deve renderci sempre più responsabili – ha spiegato l’assessore Piaia – Questo progetto potrebbe somigliare alla ‘social card’, una forma di sussidio economico di cui il nostro territorio non gode, poiché Ravenna non è stata inserita dalla Legge di Stabilità 2015 nelle città interessate dalla sperimentazione”.
Principali beneficiari dei buoni sono i nuclei familiari, ma non mancano le singole persone – ha dichiarato la presidente di Asp Ravenna Susanna Tassinari, illustrando i dati 2013–2014 – la differenza con le ‘classiche’ borse spesa della Caritas risiede nel fatto che noi cerchiamo di puntare molto sul prodotto fresco, piuttosto che su cibi a lunga conservazione. Ogni buono ha pressappoco un valore di 30 euro, le famiglie possono riceverne anche più di uno in un anno. Nel 2014 sono stati erogati 554 buoni per la città di Ravenna e 200 buoni per Russi. I nuclei familiari assistiti sono stati 116 nel 2014, contro i 102 nel 2013, con un trend in leggera ascesa dal 2008″.A Ravenna sono stati 52 i nuclei italiani beneficiari dei buoni, contro i 64 nuclei stranieri. La situazione risulta invece capovolta a Russi, dove sono stati 22 i nuclei italiani assistiti, contro gli 8 stranieri.
I buoni famiglia sono solo una parte del contributo che Aser destina alle famiglie in difficoltà – ha spiegato l’amministratore delegato Maurizio Rossi -. Un’altra parte è costituita dai funerali gratuiti: per il 2014 sono stati 13 i funerali per i quali abbiamo sostenuto i costi (in raddoppio rispetto all’anno precedente), senza chiedere nulla all’amministrazione. Naturalmente la qualifica di indigenza che porta ad offrire gratuitamente il servizio è data dall’ASP”.

L’articolo su Ravenna & Dintorni
L’articolo su più notizie
L’articolo su Ravenna 24 Ore

Un’iniziativa consolidata, che si è riproposta anche per il 2014.
Si tratta di “Buoni in famiglia. La solidarietà val bene una spesa“: grazie a un accordo riconfermato a fine anno fra l’Aser (l’Agenzia di onoranze funebri a controllo pubblico) e il Comune di Faenza, l’1 per cento del fatturato dell’azienda è stato erogato al Comune per aiutare i programmi di sostegno alle famiglie in difficoltà.
Il che permetterà ai Servizi Sociali faentini di aumentare considerevolmente i buoni spesa assegnati alle famiglie bisognose del territorio.
Il progetto è ormai radicato, visto che l’accordo iniziale è datato dicembre 2007, e che quindi a partire dal 2008 ogni anno l’Aser ha versato la centesima parte del proprio fatturato ai Servizi Sociali faentini.
Nel 2014, la quota è stata di 6.366,78 euro (in crescita di circa 300,00 euro rispetto all’anno precedente); in totale, nei sette anni di vita, “Buoni in famiglia” ha permesso aiuti alle famiglie bisognose del faentino per circa cinquantamila euro.

L’articolo uscito su Ravenna Today
L’articolo uscito su Faenza Notizie


Copyright 2019 ASER |